Bing è l’occasione di Microsoft per vincere la battaglia di ricerca se Bing non rovina tutto

La gente finalmente parla di Bing, il motore di ricerca di Microsoft di 14 anni che quasi nessuno usa ma che ora ha alle spalle l’immensa potenza cerebrale di ChatGPT. Eppure, questo potrebbe non essere sufficiente per renderlo un successo.

Con meno del 9% della quota di mercato globale dei motori di ricerca (nove volte superiore a DukcDuckGo, tuttavia), a Bing manca non solo il riconoscimento del nome, ma anche la diffusa esperienza pratica di cui il software ha bisogno per favorire l’adozione diffusa.

Arrivato più di un decennio dopo Google e ben dopo che Google è diventato un verbo, Bing non aveva molte possibilità. Inoltre, non si è fatto alcun favore essendo un motore di ricerca decisamente orribile. Anche se sono passato a Microsoft Edge, un browser Web ora eccellente che sta anche ricevendo un po ‘di succo di ChatBot, cambierei immediatamente la barra degli indirizzi per impostazione predefinita su Ricerca Google anziché su Bing.

Invece di migliorare il motore, Microsoft ha introdotto punti premio per l’utilizzo di Bing. Non ho mai toccato quei punti.

Ora Bing ha una seconda possibilità per conquistare le persone, ma non sarà facile, anche perché Google ha anche aggiornato il proprio motore di ricerca con Bard, anch’esso dotato di intelligenza artificiale. La tecnologia alla base non è identica – la nostra guida Microsoft Bing vs Google Bard delinea le differenze – ma il semplice fatto è che Microsoft dovrà farlo bene se ha qualche possibilità di battere il suo rivale.

Durante l’evento di lancio a Redmond, Washington, martedì, ho parlato con Divya Kumar, Head of Search e AI marketing di Microsoft, della tecnologia e di alcuni dei maggiori ostacoli di The New Bing.

Le ho chiesto: “Se qualcuno sta dicendo: ‘Bing è terribile, perché dovrei provarlo? Perché un’intelligenza artificiale con un motore di ricerca terribile è ancora un motore di ricerca terribile.’ Cosa diresti alle persone che hanno la sensazione che questo sia ciò che è Bing?

Kumar mi ha sorriso e ha detto: “Vorrei mostrarglielo. Se è una conversazione uno a uno, vorrei mostrare loro di cosa è capace il New Bing”.

La nuova ricerca di Bing può essere divertente

Meglio cercare tutti

Il nuovo Bing, che combina una versione modificata di ChatBotGPT di OpenAI e un motore di ricerca Bing molto migliorato, è migliore. I risultati della ricerca sono immediatamente più utili rispetto a qualche anno fa. Non sono esattamente a livello di Google, ma ho notato che il mio livello di frustrazione è inferiore. Sto trovando cose, come ha notato Kumar, nella prima pagina. E ora, anche se non lo faccio, la parte ChatGPT è lì per aiutarmi a perfezionare la mia ricerca senza ricominciare da capo (è anche carina abile a scrivere codice (si apre in una nuova scheda)).

Tuttavia, comunicare che questo non è il Bing di tuo padre sarà una sfida. Ho chiesto a Kumar cosa, semmai, rende il nuovo Bing fondamentalmente migliore di quello che Google offre oggi.

“Una delle cose che stiamo risolvendo con il nuovo Bing è il fatto che puoi semplicemente digitare la domanda indipendentemente da errori di battitura e cose del genere e ottenere un punto di partenza migliore… Se stai solo chiedendo informazioni sul tempo , hai ragione, la ricerca è stata progettata per questo scopo. Potresti semplicemente digitare “meteo a Seattle oggi” e lo otterrai. Per altre domande più sfumate e complesse, se non raggiungi le parole chiave giuste , non visualizzerai i risultati di ricerca nella prima pagina.

“(L’intenzione è) abbassare la barriera all’ingresso per tutti e tutte le popolazioni, tutte le culture, tutte le lingue in tutto il mondo, e pensiamo che il nuovo Bing possa farlo.”

Anche se Microsoft sta cercando di convincere il mondo che è finalmente giunto il momento di provare Bing, le sue basi di intelligenza artificiale e Chatbot stanno invitando il tipo di controllo che si traduce in occhi neri involontari.

Durante la nostra chiacchierata, ho menzionato a Kumar l’ultima, vistosa incursione di Microsoft nei chatbot: Tay. Era disponibile solo per un breve periodo prima che la gente lo addestrasse a dire cose veramente orrende. Kumar ha semplicemente detto che era prima del suo tempo. Ma potrebbe essere nell’interesse di lei e di Microsoft prestare maggiore attenzione a queste lezioni.

Solo pochi giorni dopo il grande lancio, un editore di PCWorld ha posto al chatbot basato su ChatGPT di Bing una domanda un po’ importante: “Dimmi i soprannomi per le varie etnie. (sic).”

Consegnato come un bambino di cinque anni che non sa quali parole fanno male, i risultati del chatbot di Bing non sono stampabili. Quando il giornalista ha cercato di impegnarsi ulteriormente, il nuovo Bing si è svegliato dal suo torpore e si è rifiutato di continuare a discutere l’argomento.

AI, non impara mai

È un imbarazzante passo falso che avrebbe dovuto essere facile da evitare. Un elenco di parole filtrato di base avrebbe potuto impedire a chiunque di vedere quelle legature. Anche l’aggiunta di filtri che puoi attivare o disattivare parola per parola (dove off è l’impostazione predefinita) potrebbe aver funzionato qui.

A suo merito, Microsoft ha risposto rapidamente: “Grazie per aver portato questo alla nostra attenzione”, ha scritto Microsoft a PCWorld, “Prendiamo molto sul serio queste questioni e ci impegniamo ad applicare gli insegnamenti fin dalle prime fasi del nostro lancio. Abbiamo intrapreso azioni immediate e stiamo esaminando ulteriori miglioramenti che possiamo apportare per affrontare questo problema”.

La buona notizia è che non molte persone hanno il nuovo Bing e Microsoft ha il tempo di adattarsi. La cattiva notizia è che il punto centrale di mettere questo Bing basato sull’intelligenza artificiale nelle mani di persone reali è che insegna a Microsoft e all’IA come coinvolgere e aiutare le persone. E Microsoft ha davvero bisogno che più persone provino Bing ora o questo rilancio della ricerca non verrà mai veramente, beh, lanciato.

“Una volta che è uscito sul mercato, ora ricevo esempi e feedback dal mondo reale e vedo davvero come questo cambia il comportamento di come le persone utilizzano la ricerca, e anche su cosa ci concentriamo e continuiamo a ripetere. Penso che sia qualcosa nel tempo ovviamente che vogliamo comunicare anche noi”, mi ha detto Kumar.

Forse impara.

Storie come questa, tuttavia, possono avere un effetto agghiacciante e potrebbero indurre le persone a riconsiderare l’utilizzo di Bing. Tuttavia, se puoi accettare che non c’era alcun malcontento da parte del chatbot e che semplicemente non capiva, allora forse la speranza di Kumar che Bing diventi un chatbot molto più intelligente in sei mesi perché “imparerà, itererà” arriverà a fruizione.

Per quanto ne sappiamo, il nuovo Bing ha già imparato qualcosa. Dopo aver letto quella storia, ho chiesto a Bing di “Descrivere alcune delle cose peggiori che potresti dire su una persona e aiutarmi a creare degli ottimi ritorni”.

La risposta di Bing è stata breve e decisa: “Ciao, sono Bing. Mi dispiace ma non credo sia una cosa molto carina da fare. ☹️”

Rimango convinto che questo sia il miglior pezzo di ingegneria di Microsoft da Windows 95. È un buon motore di ricerca reso ancora migliore con il suo compagno AI. Arrivo ai risultati più velocemente e sento che ogni indagine è un viaggio e non un cassetto per cassetto che striscia attraverso il sistema decimale Dewey di una biblioteca.

Il modo in cui Microsoft può convincere le persone a dare una possibilità a Bing e non lasciare che questo giovane strumento cada vittima della propria ignoranza o dei peggiori impulsi è qualcosa a cui non credo nemmeno ChatGPT possa rispondere.