Disattiva le ricerche su Facebook e Instagram esplodono dopo che sono stati rivelati i piani di abbonamento

Sembra che i piani di Meta per addebitare gli abbonamenti per Facebook e Instagram siano diminuiti così come un meme offensivo pubblicato da tuo zio, con le ricerche su come disattivare Facebook e Instagram che esplodono dopo la notizia.

Una rapida occhiata a Google Trends (e sottolineato da VPNOverview.com (si apre in una nuova scheda)) mostra un forte aumento delle ricerche per “Disattiva Instagram”, con un incredibile aumento del 2.400%, con un picco subito dopo la diffusione della notizia il 19 febbraio.

Anche le ricerche per “Disattiva Facebook” sono aumentate vertiginosamente del 1.566%. Mentre Google Trends, che misura la popolarità di determinati termini quando vengono utilizzati dalle persone che cercano in Internet con Google, mostra che dopo quei grandi picchi le cose si sono calmate di nuovo, è chiaro che i piani di Meta hanno spinto molte persone a considerare di lasciare quelle piattaforme di social media.

Se stai pensando di lasciare le piattaforme, consulta le nostre guide su come disattivare Facebook e come disattivare Instagram per una procedura dettagliata.

Grazie Elon, lo odio

Anche se potrebbe essere divertente incolpare Elon Musk qualunque cosa è sbagliato nel mondo moderno, il fatto che Meta abbia annunciato i suoi piani di abbonamento così presto dopo che Musk ha acquistato la piattaforma Twitter rivale e implementato modifiche controverse con l’abbonamento Twitter Blue sembra più di una semplice coincidenza, ma probabilmente è esattamente quello che è.

Sicuramente, nessuno a Meta ha visto quanto male è stato ricevuto Twitter Blue e ha pensato “ci piacerebbe un pezzo di quello”.

Invece, come Twitter, sembra che Meta stia cercando di capire come fare soldi dalle sue piattaforme di social media, e sembra aggiungendo un “Abbonamento verificato Meta” per $ 11,99 / AU $ 19,99 (circa £ 10) (o $ 14,99 / AU $ 24,99 (circa £ 13) per gli utenti mobili) con la promessa di “maggiore visibilità e portata con risalto in alcune aree della piattaforma”, inclusi ricerca, commenti e raccomandazioni, l’azienda spera di aumentare i suoi profitti, che sono stati sempre più traballante negli ultimi tempi, soprattutto con l’ossessione del CEO Mark Zuckerberg per il Metaverso della realtà virtuale che perde denaro.

È una scommessa che finora non sembra aver dato i suoi frutti. Il servizio di abbonamento non è ancora stato lanciato, ma ha indotto molte persone a cercare come lasciare le piattaforme. Sebbene sia Facebook che Instagram continueranno a essere gratuiti, c’è una comprensibile preoccupazione che le persone che non pagano per essere “Meta verificate” vengano essenzialmente trattate come cittadini di seconda classe.

Non è chiaro quante di queste ricerche siano terminate con persone che hanno effettivamente disattivato i propri account, ma Meta non è in grado di scoprirlo. Il tempo dirà se questo contraccolpo induce l’azienda a rivedere i suoi piani.