I grandi piani per le app Android di Google potrebbero cambiare il modo in cui utilizzi il tuo Chromebook

Google ha fatto alcune grandi mosse sul fronte delle app che potrebbero cambiare il modo in cui utilizzi il tuo Chromebook, con l’introduzione dello streaming di app da uno smartphone Android e anche eliminando le app di Chrome per essere sostituite da migliori app Web progressive (note come PWA per corto).

Quindi diamo prima un’occhiata a quel grande sviluppo dello streaming. Come evidenziato da Chrome Unboxed, la funzione di streaming delle app che ti consente di utilizzare le app Android sul desktop del Chromebook è ora disponibile per alcuni utenti in versione beta.

Vedi altro

Questo è stato segnalato per la prima volta su Twitter da Mishaal Rahman (un giornalista freelance) che ha scoperto che la funzione era ancora traballante – mentre era in esecuzione su un dispositivo di prova pesantemente modificato, intendiamoci – ma ha notato che hanno visto un paio di utenti che ce l’hanno funziona correttamente.

La funzione è alimentata dall’app Cross-Device Services che è stata appena aggiornata da Google, ma ci sono alcuni importanti avvertimenti su chi riceve questo (torneremo su questo più tardi).

Per coloro che possono accedere all’app in streaming in questo momento, l’attivazione dell’hub telefonico sul Chromebook consente di visualizzare tutte le app Android aperte di recente ed è sufficiente fare clic su una di esse per avviarla sul desktop ChromeOS.

Altrove nell’ecosistema software di Google, Digital Trends segnala inoltre la morte delle app di Chrome (browser) che potrebbero essere acquisite dal Chrome Web Store.

Quelle app di Chrome sono in uscita da molto tempo, intendiamoci, e non sono mai state molto popolari. Generalmente offrivano un’esperienza compromessa di funzionalità ridotte e glitch (non dimensionati correttamente per lo schermo su cui venivano utilizzati, ad esempio). Il supporto era instabile per l’avvio.

Google ha effettivamente iniziato a eliminare gradualmente queste app nel 2020, ma ora, con il rilascio della versione 112 di Chrome, la società ha ufficialmente abbassato la ghigliottina sulle app di Chrome per desktop, introducendo invece le PWA.

Le PWA risolvono con successo le carenze delle app di Chrome, essendo più affidabili e avendo gli aggiornamenti trasmessi automaticamente (senza bisogno di visitare il Web Store per installarli). In effetti, le PWA funzionano semplicemente meglio a tutto tondo.

Potrebbero esserci alcune persone che utilizzano ancora un’app di Chrome importante per loro, molto probabilmente in un ambiente aziendale (o scolastico), quindi Google continuerà a supportarli per ChromeOS fino a gennaio 2025. Questo per dare a quegli utenti abbastanza tempo per trovare un’app sostitutiva per qualsiasi prodotto cruciale di cui potrebbero ancora aver bisogno.


Analisi: la funzione Dream stream non è per tutti (ancora)

La funzione di streaming delle app è arrivata da molto tempo. In effetti, Google ha annunciato la funzionalità già al CES 2022 (sì, non all’inizio di quest’anno, ma l’anno prima).

Come accennato in precedenza, tuttavia, ci sono grandi avvertimenti su chi può avvalersi dello streaming di app dai telefoni Android in questo momento (che è ancora in versione beta, ricorda).

In primo luogo, la funzionalità è disponibile solo per l’installazione su determinati dispositivi (con Android 13) che include i telefoni Pixel di Google (ovviamente). E soprattutto il tuo dispositivo (o account Google) deve essere abilitato alla funzione. Rahman non è sicuro di come funzioni esattamente quest’ultimo processo in termini di chi è stato scelto, ma osserva che il rollout “sembra essere controllato dal lato server da parte di Google”.

In breve, potresti ottenerlo o meno, supponendo che tu abbia uno smartphone supportato, ma immaginiamo che un’implementazione più ampia arriverà tra non molto (incrociamo le dita).

I telefoni supportati sono i seguenti, secondo Rahman: modelli Google Pixel, Asus Zenfone 9, Nothing Phone 1, Oppo A78 5G, Oppo Find N2 Flip, Redmi A2, Redmi Note 12, Xiaomi 12T e Xiaomi 12T Pro.

Potrebbero esserci altri modelli oltre a questi, però, ma il punto è che non tutti i telefoni Android lo stanno ricevendo (almeno per ora).

È sicuramente un’ottima funzionalità, ma tieni presente che non tutte le app possono essere trasmesse in streaming su un Chromebook. Rahman sottolinea che le eccezioni includono Google Camera, app bancarie, app mediche, PS Remote Play e la maggior parte dei software di avvio.