I nuovi strumenti basati sull’intelligenza artificiale di Premiere Pro mirano a semplificare notevolmente l’editing video

Chiedi a qualsiasi editor video e ti diranno che la post-produzione può richiedere un’eternità per finire. Nel tentativo di alleggerire il carico di lavoro, Adobe sta attualmente lavorando a una serie di nuove funzionalità di editing per il suo software Premiere Pro e After Effects.

Tra i due, PremierePro sta facendo la parte del leone nell’aggiornamento sfoggiandone alcuni Strumenti basati sull’intelligenza artificiale nel suo pacchetto. L’editing basato su testo, in particolare, utilizza il framework Sensei AI dell’azienda per “(analizzare) e (trascrivere) automaticamente clip” in testo. In questo modo, un altro editor o produttore può prendere il testo così come appare e incollarlo nella timeline di un video in qualsiasi ordine. Per aiutare ulteriormente con la coerenza, Adobe sta introducendo “Mappatura automatica dei toni e rilevamento del colore del registro” che consente agli utenti di combinare “HDR (High Dynamic Range) da diverse fonti” in un unico progetto. Ciò potrebbe eliminare la necessità di modificare manualmente le riprese solo per avere un aspetto uniforme.

Inoltre, Adobe sta lanciando alcuni strumenti di collaborazione. Il blocco della sequenza, ad esempio, consente agli editor di bloccare una parte di un video “in modo che diventi di sola visualizzazione” per tutti gli altri. Lavora offline, come suggerisce il nome, ti consente di continuare a lavorare offline dove puoi quindi caricare le tue modifiche in un secondo momento senza interferire con le modifiche di altre persone. E ci sono indicatori di presenza che mostrano chi sta lavorando su cosa.

Altre caratteristiche degne di nota nell’aggiornamento includono l’accelerazione GPU per formati professionali selezionati come Sony Venice V2, il supporto per quattro nuove lingue come lo svedese in Speech to Text, oltre al salvataggio automatico in background. La società afferma inoltre che questa è la versione più veloce di sempre di Premiere Pro grazie ad alcuni “significativi miglioramenti sotto il cofano”, ma a parte la suddetta accelerazione della GPU, Adobe non fornisce dettagli esatti su quanto sia migliore.

Colpisce After Effects

Le modifiche per Effetti postumi sono per lo più ottimizzazioni come “selezione più rapida del livello della timeline… (e) nuove scorciatoie da tastiera per i mascherini traccia selezionabili. Il pannello delle proprietà ora visualizzerà opzioni sensibili al contesto basate sulle selezioni del software in modo che gli strumenti siano più facilmente disponibili. Inoltre, non devi scavare in un labirinto di menu. Probabilmente il cambiamento più grande è l’aggiunta degli strumenti ACES (Academy Color Encoding System) e OpenColorIO per garantire che la qualità del filmato rimanga coerente durante la “condivisione di risorse con altre app di post-produzione”.

Abbiamo contattato Adobe per vedere se c’è un modo in cui gli utenti possono provare queste funzionalità prima del rilascio. Un rappresentante dell’azienda ci ha detto che le persone possono scaricare Première Pro Beta per mettere le mani solo sull’editing basato su test. Il resto dell’aggiornamento “sarà in mostra allo spettacolo NAB (National Association for Broadcasters) 2023 dal 15 al 19 aprile a Las Vegas”. Per chi non parteciperà, non resta che attendere il lancio ufficiale fissato per diverso tempo a maggio 2023.

Non è un segreto che il software di Adobe sia costoso e non il più intuitivo, per non dire altro. Se stai cercando altre opzioni, assicurati di controllare l’elenco di CercaGratis di migliori alternative ad After Effect per il 2023.