La funzione segreta di Windows 11 suggerisce come Windows 12 potrebbe cambiare tutto

Le nuove funzionalità nascoste in una build iniziale di un prossimo aggiornamento di Windows 11 consentiranno agli utenti di configurare il proprio “Cloud PC” e questo potrebbe essere il nostro indizio più chiaro su ciò che Microsoft prevede per il futuro di Windows, come Windows 12.

Come riportato da Neowin, l’utente di Twitter Albacore ha scavato nella build 23419 di Windows 11 Dev, che viene distribuita alle persone iscritte al programma Windows Insider ed è disponibile sui canali Canary, Dev e Beta.

In una serie di tweet, che puoi vedere di seguito, Albacore ha notato che nell’app “Impostazioni” di Windows 11 ora ci sono opzioni su come accedere a un Cloud PC, tramite un’app dedicata o direttamente dal desktop.

Vedi altro

La pagina ha anche una sezione che ti consente di scegliere quali porte, funzionalità e accessori condividere con il tuo Cloud PC. Quindi, potresti condividere le tue porte USB e ciò significherebbe che una memory stick USB che colleghi al tuo PC fisico sarà accessibile anche sul tuo Cloud PC.

Se lasci acceso il PC, puoi quindi accedere al Cloud PC su un dispositivo diverso e avere accesso alla chiavetta di memoria USB, oppure puoi copiare rapidamente i contenuti dalla chiavetta di memoria allo spazio di archiviazione del Cloud PC, rendendolo disponibile per qualsiasi altro dispositivo che utilizzi per accedervi.

Sembra che tu possa anche condividere appunti, stampanti, disco rigido locale, microfono e altro. A seconda dei piani di Microsoft per l’integrazione di Cloud PC, questa potrebbe essere una funzionalità davvero utile e suggerire ciò che Microsoft prevede per Windows 12 (se esiste).

Pensiero nuvoloso

Al momento non siamo sicuri di come sarà l’integrazione di Cloud PC in Windows 11, ma a quanto pare, Microsoft è desiderosa di rendere semplice il passaggio tra il tuo PC o laptop locale e il Cloud PC.

Se la funzionalità Cloud PC di Windows 11 sarà come il Cloud PC incluso nell’abbonamento Windows 365 Business di Microsoft, avrai accesso a un PC virtuale memorizzato su Internet che funzionerà come un normale PC. Non importa quale dispositivo utilizzi, che sia uno smartphone o un Chromebook, purché tu abbia una connessione internet, puoi accedere al Cloud PC e usarlo come se ci fossi seduto davanti.

Probabilmente sarà legato a un abbonamento OneDrive in Windows 11, anche se potresti essere in grado di accedere gratuitamente a una versione limitata, proprio come puoi fare con l’archiviazione cloud OneDrive di Microsoft. Se tutto va bene, se non sei interessato alla funzione Cloud PC e non vuoi abbonarti, non ti sarà imposto, anche se il desiderio di Microsoft di convincere le persone a iscriversi a OneDrive mi lascia leggermente preoccupato.

Queste caratteristiche sono ben nascoste al momento. Non solo si trovano in una versione di Windows disponibile solo per i Windows Insider che si sono registrati per provare le prime versioni sperimentali di Windows 11, ma devi modificare il file DLL “settingshandlers_cloudpc” per abilitarli.

Microsoft chiaramente non è pronta a mostrare questa funzionalità, quindi, ma ci dà un suggerimento allettante sul tipo di sistema operativo che Windows 12 potrebbe essere e potrebbe essere molto eccitante.

Un accenno di Windows 12?

Microsoft è stata molto chiara sul suo interesse a portare Windows nel cloud. Non solo ha aggiunto la funzionalità a Windows 365 Business, spiegando che “Microsoft Cloud PC è una nuova offerta strategica che si basa su Windows Virtual Desktop per offrire Desktop come servizio”, ma Panos Panay, che è alla guida di Windows team di Microsoft, ha parlato di come Cloud PC sarà il futuro di Windows, che molti hanno interpretato come Windows 12.

Come riportato in precedenza, anche il CEO di Microsoft Satya Nadella ha recentemente commentato che “i confini tra PC e cloud stanno svanendo”.

Abbiamo assistito a un aumento delle voci su Windows 12, incluso il fatto che potrebbe essere lanciato già nel 2024, e sono sempre più convinto che vedremo la prossima versione prima piuttosto che dopo. Queste nuove funzionalità basate su cloud che sono state nascoste in una prima versione di Windows 11 potrebbero essere la nostra migliore occhiata a ciò che Microsoft prevede per la prossima versione del suo sistema operativo.