L’assistente basato su ChatGPT di Snapchat ti farà sembrare un genio dell’haiku

Snapchat è diventato il primo gigante dei social media a creare un chatbot basato su ChatGPT nella sua app, con la piattaforma di messaggistica che chiama la sua nuova funzionalità “My AI”.

Secondo Snap, il nuovo chatbot esegue l’ultima versione della tecnologia GPT di OpenAI (il suo modello GPT-3.5) ed è una “funzione sperimentale” per pagare gli abbonati Snapchat Plus (un servizio che costa $ 3,99 / £ 3,99 / AU $ 5,99 al mese) .

Quindi cosa può fare? Dati i numerosi esempi recenti del motore di ricerca Bing basato su ChatGPT di Microsoft che è andato fuori dai binari, Snap ha saggiamente messo in atto alcuni guardrail addestrandolo a “evitare informazioni distorte, errate, dannose o fuorvianti”. È anche progettato principalmente per aiutare a organizzare la tua vita sociale e potenziare il tuo gioco Snapchat.

Alcuni esempi di cose in cui My AI può aiutarti includono la pianificazione della tua escursione, la raccomandazione di idee per regali di compleanno, il suggerimento di ricette per la cena e, per gli appassionati di versi giapponesi, “scrivere un haiku sul formaggio per il tuo amico ossessionato dal cheddar”. Tutto ciò suona sicuramente un po ‘più adatto alle famiglie che guardare Bing avere una crisi esistenziale.

Tuttavia, Snap si sta anche preparando per gli errori e si è già scusato in anticipo per i clanger di My AI. Dice che “La mia intelligenza artificiale è incline alle allucinazioni e può essere indotta a dire praticamente qualsiasi cosa”, il che suona preoccupante. Snap dice anche agli utenti di “essere consapevoli delle sue numerose carenze e scusarsi in anticipo” per i suoi potenziali errori.

A differenza del chatbot basato su ChatGPT di Bing, My AI è personalizzabile: puoi dargli un nome e anche personalizzare lo sfondo per le tue sessioni di chat. Ma, nonostante questo aspetto tenero, è probabile che l’aiutante di intelligenza artificiale si sbagli molto, con Snap che afferma che puoi tenere premuto qualsiasi messaggio per inviare feedback e guidarlo verso un comportamento migliore.


Analisi: un assaggio dei social chatbot in arrivo

Un esempio di haiku a tema formaggio scritto dal chatbot My AI di Snapchat.

L’arrivo di un helper basato su ChatGPT su Snapchat non è così sconvolgente come lo sarebbe una funzionalità equivalente su Facebook, WhatsApp, Instagram o TikTok: dopotutto, Snapchat è solo il decimo nell’elenco dei social media siti in termini di utenti attivi globali.

Ma ci dà uno sguardo interessante su come ChatGPT (o una tecnologia chatbot equivalente) potrebbe essere inserita in alcune delle app più popolari al mondo. Immagina, ad esempio, un compagno equivalente nei gruppi di Facebook Messenger o WhatsApp. Meta ha recentemente annunciato il proprio “modello di linguaggio di grandi dimensioni AI all’avanguardia chiamato LLaMA”, quindi potrebbe benissimo arrivare.

Anche l’arrivo dei chatbot nei social media e nelle app di messaggistica solleva problemi di privacy. Snap tiene a sottolineare che “tutte le conversazioni con My AI verranno archiviate e potrebbero essere riviste per migliorare l’esperienza del prodotto”, e non dovresti “condividere alcun segreto con My AI” o “fare affidamento su di esso per un consiglio”.

Queste sono tutte grandi dichiarazioni di non responsabilità che mostrano dove siamo con i chatbot di intelligenza artificiale: mentre sono divertenti aiutanti che potrebbero funzionare bene in artisti del calibro di Snapchat, sono anche lontani dai saggi onniscienti che pretendono di essere.