Microsoft rende molto più semplice l’utilizzo di Bing basato su ChatGPT, con un problema

Il chatbot Bing di Microsoft è ora disponibile per l’uso senza accedere a un account Microsoft, senza dubbio ti farà piacere sapere.

Ciò significa che ora chiunque può saltare e iniziare a interrogare l’intelligenza artificiale basata su ChatGPT su qualsiasi argomento abbia in mente, ma c’è un avvertimento.

Vedi altro

Windows Central ha individuato il tweet di Michael Schechter, VP of Search Growth and Distribution (Bing) di Microsoft, che annunciava che Bing AI ora offre accesso alla chat non autenticato.

Tuttavia, anche se non dovrai accedere per utilizzare l’intelligenza artificiale, sarai limitato a conversazioni piuttosto brevi: solo cinque domande in una sessione. Coloro che hanno effettuato l’accesso ricevono 20 query per conversazione.

In altre notizie su Bing AI, un ulteriore passo avanti per il chatbot è l’aggiunta di un pulsante di condivisione e più opzioni di esportazione, oltre a un’esperienza di copia e incolla migliorata, piccoli tocchi utili (come segnalato da Neowin).

Vedi altro


Analisi: portare Bing a tutti più velocemente

Ricordi quando Bing AI è stato lanciato per la prima volta? Il chatbot è stato coinvolto in ogni sorta di controversa stranezza a causa dell’uscita dai binari in lunghe sessioni di chat, portando Microsoft a imporre limiti rigorosi alla durata della sessione per affrontare quel particolare problema.

Tale limite era di cinque query per sessione, esattamente ciò che ottengono ora gli utenti non autenticati. In altre parole, è il minimo indispensabile. (Beh, chiaramente è il minimo indispensabile: qualsiasi valore inferiore a cinque lascerebbe poche o nessuna possibilità di esplorare ulteriormente qualsiasi argomento).

Tuttavia, il minimo assoluto è molto meglio di niente, quindi siamo lieti di vedere Microsoft intraprendere questa strada. È un modo conveniente per coloro che non hanno ancora provato Bing AI per farlo e, naturalmente, ciò dovrebbe significare traffico extra anche per Microsoft.

Senza dubbio Microsoft spera che dando alla gente un assaggio di Bing, li impressionerà abbastanza da accedere per un’esperienza di chat completa e più lunga.