Parotite: sintomi e opzioni di trattamento

La parotite è caratterizzata da gonfiore su entrambi i lati del viso. È una malattia virale causata da un paramixovirus, membro della famiglia dei Rubulavirus. Colpisce in genere i bambini non vaccinati e di età compresa tra 2 e 12 anni. Ma gli adulti e gli adolescenti possono comunque contrarre la parotite anche dopo aver ricevuto una vaccinazione contro la parotite.

Il periodo medio di incubazione della parotite è compreso tra 16 e 18 giorni. L’encefalite, o infiammazione del cervello, e la miocardite, o infiammazione del muscolo cardiaco, sono alcune delle conseguenze fatali della condizione.

Sintomi della parotite

La malattia produce dolore, dolorabilità e gonfiore in una o entrambe le ghiandole parotidi. Il gonfiore solitamente raggiunge il picco in 1-3 giorni e successivamente si attenua durante la settimana successiva. Spesso i sintomi iniziali della parotite non sono gravi, ma possono verificarsi gravi complicazioni. La complicanza più grave è l’infiammazione del cervello (encefalite), che può essere fatale e portare alla morte o a una disabilità permanente.

Molte persone non si rendono conto di essere infette perché non mostrano sintomi. Né i sintomi si manifestano immediatamente. Esiste un periodo di incubazione da 7 a 25 giorni, che è l’intervallo tra l’infezione e la malattia.

Oltre al gonfiore, ci sono molti altri sintomi che si manifestano con la parotite:

  • Febbre bassa
  • Mal di testa
  • Dolori muscolari e dolore
  • Sensazione di malessere (malessere)
  • Bocca asciutta
  • Lieve dolore addominale
  • Fatica
  • Perdita di peso
  • Masticazione dolorosa
  • Perdita di appetito
  • Alta temperatura
  • Deglutizione dolorosa

Trattamento

L’obiettivo del trattamento della parotite è alleviare i sintomi finché le difese dell’organismo contro la malattia non prendono il sopravvento. Gli antibiotici non funzionano contro la malattia perché la malattia è virale. Il trattamento della malattia mira ad alleviare i sintomi e ridurre il rischio di complicanze. Di solito, la malattia si risolve in una o due settimane.

Le opzioni di trattamento possono includere:

  • Riposare a lungo a letto fino alla scomparsa dei sintomi
  • Assunzione di antidolorifici da banco, come l’ibuprofene o il paracetamolo, per ridurre la febbre e alleviare qualsiasi dolore (ai bambini di età pari o inferiore a 16 anni non deve essere somministrata l’aspirina)
  • Bere molti liquidi, ma evitare bevande acide come i succhi di frutta poiché possono irritare le ghiandole parotidi; l’acqua è solitamente il miglior fluido da bere
  • Applicare un impacco caldo o freddo sulle ghiandole parotidi gonfie per ridurre il dolore
  • Mangiare cibi che non richiedono molta masticazione, come zuppe, porridge, purè di patate e uova strapazzate
  • Gargarismi con acqua tiepida salata
  • Restare in isolamento, per ridurre il rischio di diffusione della malattia.

Come si diffonde la parotite?

La malattia è trasmissibile e si diffonde da persona a persona, proprio come l’influenza (influenza). Piccole goccioline dalla bocca e dal naso di una persona infetta rilasciano il virus della parotite quando tossisce o starnutisce.

Il contatto diretto con la saliva infetta o le goccioline respiratorie provenienti dalle labbra, dalla gola o dal naso di una persona infetta può trasmettere il virus da una persona a un’altra. La persona che ha il virus della parotite può infettare gli altri attraverso:

  • Tossire, parlare o starnutire.
  • Condividere utensili, bevande e giocattoli che sono entrati in contatto con la saliva contaminata.
  • Fare sport, ballare, condividere un bacio o impegnarsi in altre attività socialmente intime.

Una persona è più contagiosa nei giorni immediatamente precedenti la comparsa dei sintomi e nei giorni successivi.

Come prevenire la diffusione della parotite ad altri

Se hai la parotite, ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti:

  • Evitare di andare al lavoro o a qualsiasi evento sociale ed evitare di mandare il bambino a scuola per almeno 5 giorni dopo la comparsa dei sintomi
  • Lavarsi regolarmente le mani con sapone per almeno 20 secondi
  • Copri bocca e naso con un fazzoletto quando tossisci o starnutisci
  • Usa e getta i fazzoletti quando starnutisci
  • Tossisci o starnutisci nel gomito o nella parte superiore della manica anziché nelle mani se non hai un fazzoletto a portata di mano.
  • Evitare il contatto ravvicinato con chiunque non sia completamente vaccinato
  • Evita di condividere oggetti che potrebbero contenere saliva, come bottiglie d’acqua o tazze
  • Disinfettare le superfici toccate frequentemente, come maniglie delle porte, tavoli, banconi.

Pensieri conclusivi

La parotite è una malattia contagiosa. Sebbene raramente causi complicazioni gravi, potrebbe condividere i sintomi con infezioni più pericolose come la tonsillite e la febbre ghiandolare. Il vaccino contro la parotite può proteggere efficacemente contro la parotite e qualsiasi complicanza della malattia. È meglio vaccinarsi per garantire la massima protezione.

Prenota oggi stesso il tuo check-up completo della salute del corpo