Stufo di Bing AI? Potrebbe non piacerti una modifica in arrivo per Microsoft Edge

Microsoft sta (di nuovo) spingendo la sua Bing AI in un modo diverso, questa volta nel browser Edge con una nuova opzione per avviare il chatbot.

Su Twitter, il leaker Leopeva64 ha notato (tramite Windows Latest) che Microsoft Edge ha introdotto un’opzione per accedere al chatbot nel menu contestuale del tasto destro. Questo è in fase di test in questo momento, nel canale Canary per Edge.

Vedi altro

Leopeva64 dimostra come funziona nel tweet sopra. Se l’utente seleziona del testo su una pagina Web, quindi fa clic con il pulsante destro del mouse per visualizzare il menu contestuale, esiste un’abilità “Chiedi a Bing Chat”.

Facendo clic su questo si esegue una query basata sul testo selezionato con Bing AI, facendo apparire il chatbot nella barra laterale a destra della pagina web. Puoi quindi fare clic per confermare la query, scegliendo “Ignora” se hai erroneamente evocato l’IA di Bing, e supponendo che sia la prima, puoi andare avanti e condurre una sessione normalmente con il chatbot.

Mentre Windows Latest segnala che questa modifica è per il mini menu Edge, Leopeva64 chiarisce che è presente anche nel menu contestuale principale per il browser di Microsoft.

Tuttavia, l’opzione “Chiedi a Bing Chat” appare nel menu di scelta rapida solo se selezioni prima il testo su una pagina Web, quindi se fai clic con il pulsante destro del mouse all’interno di Edge, non lo vedi.


Analisi: portare il Bing

Possiamo aspettarci di vedere molto di più dell’IA di Bing nel prossimo futuro, senza dubbio, data l’attuale corsa agli armamenti dell’IA e l’enorme quantità di uova che Microsoft sta attualmente accumulando nel paniere dei chatbot di Bing.

Proprio questo fine settimana, abbiamo assistito a una serie di miglioramenti – per i viaggi e le ricette – apportati in aggiunta a molti altri lavori recenti che Microsoft ha applicato all’IA di Bing. Attualmente, è molto più avanti del principale rivale Google Bard, e questo non è un vantaggio che Microsoft vorrà perdere.

Di conseguenza, è lecito scommettere che vedremo il chatbot di Bing insinuarsi in altre parti dell’interfaccia nelle app di Microsoft e, naturalmente, in Windows 11. Abbiamo già visto l’intelligenza artificiale di Bing agganciata alla casella di ricerca sulla barra delle applicazioni in Windows 11, ad esempio, e Microsoft probabilmente coglieranno l’occasione per incepparsi nel chatbot ovunque l’azienda possa.

Ci sarà sicuramente più proprietà dell’interfaccia utente da rivendicare a tale riguardo, ma Microsoft dovrà bilanciare questo con il possibile rischio di fastidiosi utenti che considereranno le opzioni extra da passare a Bing AI come un disordine indesiderato.