Windows 11 diventa sempre più forte con i giocatori PC, ma non con tutti gli altri

I giocatori PC continuano a mostrare una maggiore preferenza per Windows 11 rispetto a Windows 10 rispetto agli utenti di tutti i giorni, secondo le statistiche più recenti di un paio di fonti.

Stiamo parlando del sondaggio sull’hardware di Steam di giugno, un rapporto mensile compilato da Valve su tutti i tipi di sfaccettature dei PC utilizzati sulla piattaforma e degli ultimi dati di Statcounter per giugno (che rappresentano gli utenti di tutti i giorni o un pubblico non di gioco – anche se potrebbero esserci alcuni giocatori tra i loro ranghi, ovviamente).

Quindi, diamo un’occhiata a quei numeri di giugno e del recente passato, prima di passare a discuterne.

Su Steam a giugno, il 35,75% dei giocatori utilizza ora Windows 11, il che rappresenta un notevole aumento dell’1,76% rispetto al mese precedente. In effetti, a maggio, Windows 11 è aumentato dello 0,6% per i livelli di adozione e ad aprile è balzato dell’11% (sebbene quella cifra fosse un’anomalia, rappresentando un cambiamento importante nel pubblico di destinazione del sondaggio che ha piuttosto incasinato le cose).

Tuttavia, puoi vedere che il costante progresso al rialzo è la tendenza e, eliminando dall’equazione il suddetto problema tecnico dell’11%, possiamo vedere che marzo e aprile sono aumentati di poco più dell’uno percento (combinati, quindi entrambi i mesi hanno registrato un guadagno simile a maggio, effettivamente).

Passando agli utenti comuni e osservando le cifre di Statcounter, l’adozione di Windows 11 è ora al 23,91%, rispetto al 22,95%, con un aumento di quasi l’uno percento, ma il bello è che a maggio, come riportato all’epoca, Windows 11 effettivamente caduto dal 23,11% al 22,95%. Quindi, in realtà, negli ultimi tre mesi, l’aumento è stato piuttosto traballante dello 0,82% (rispetto al 2,36% per i giocatori).


Analisi: Microsoft si affida a Copilot per il decollo al di fuori dei giocatori?

È abbastanza chiaro vedere che le cose sono piuttosto traballanti per Windows 11 in termini di base di utenti generale negli ultimi mesi rispetto al panorama dei giochi, dove il sistema operativo più recente continua a essere in crescita.

Guardando in un altro modo, arrotondando, Windows 11 è al 36% per i giocatori e al 24% per gli utenti di tutti i giorni, quindi l’adozione è ora del 50% maggiore per il mondo dei giochi. Questa è una bella differenza.

Per Microsoft, vedere che poco meno di un quarto del pubblico informatico in generale è passato a Windows 11 deve essere piuttosto deludente. Ricorda, il sistema operativo non è lontano da due anni ormai, e allo stesso punto della sua linea temporale di esistenza, Windows 10 aveva conquistato una quota di mercato del 36% (secondo Statcounter) degli utenti di tutti i giorni. (Che, stranamente, corrisponde al livello ora raggiunto dai giocatori per Windows 11).

Cosa può fare Microsoft al riguardo? Bene, correggere i bug è una cosa, poiché le segnalazioni di problemi come le traballanti velocità dell’SSD che hanno colpito alcuni utenti di Windows 11 da marzo saranno scoraggianti per gli aspiranti aggiornamenti. E l’altro punto che viene subito in mente è l’aggiunta di funzionalità che sono state rimosse in Windows 11 (funzionalità utili come “non combinare mai” per la barra delle applicazioni, che, per fortuna, è in arrivo per il sistema operativo, si spera prima della fine dell’anno).

Supponiamo che Microsoft stia probabilmente facendo affidamento su alcune funzionalità importanti per attirare l’utente medio a fare il salto a Windows 11, il principale dei quali è Windows Copilot, l’introduzione di un assistente AI sul desktop. Copilot è appena apparso in fase di test (build di anteprima del canale Dev), anche se inizialmente in modo molto limitato.

Ovviamente, l’altro punto critico di Windows 11 è che ha requisiti hardware più rigorosi rispetto a Windows 10 che non tutti i PC là fuori possono soddisfare, quindi alcune persone dovranno aspettare fino a quando non avranno un nuovo PC. (Oppure esegui un aggiornamento complicato, fisico, come l’installazione di un modulo TPM, o una soluzione alternativa, che è improbabile che accada in molti casi per buoni motivi).